A VANÈDDA MARINU

 

 vicolo marino

 

(ascolta in viva voce)

 

 

 

Era l’annàda du mìlanov’cèntus’ssànta, quànn a telev’siöngh fasgèa i soi primi passi n’Itàlia. Appéna sei anni prima, ‘ndo Innàru du mìlanov’cèntucinquàntaquàttr, avèanu cum’nzà sövra u prim e un’ch canàu ciamà “Naziönàu”,i primi progràmmi RAI ch’ tànn èr’nu n’biànch e nér!
All’eb’ca, i cr’stiài ch’ s’ putèv’nu cattè a telev’siöngh nan èr’nu assài!
Iédda era cuns’d’rata ‘n bèngh d lùss, e p’ cöss a Ciàzza funu i famìgghi ch’avéaunu
i grài ch’ s’sp’dugghianu a cattès’la.
Me pàtri, ch’anni apprèss e còntr u parér da cap’tàna d me màtri, fès ‘ntràs n’ càsa nòstra u prim frìgorif’r, d cattè a telev’siöngh, nan voss mànch a brö!
Mai còm n’cödd perìudu i ciaccèsi social’zzànu accuscì all’improvvìs.
E cöss ch cap’tià a Ciàzza, succ’dì unna iè iè ‘n tutta Itàlia. Accuscì a gént s’r’truvàva a passè a sera, dòp ch’avéa mangiàit, ‘nte bàr p’ ved a telev’siöngh.
Bona boné ch’na par’ntèla ggh’era sèmp ‘ncòch famìgghia ch s’ha passava meggh’ d l’auti, e avenn’s putuit cattè a telev’siöngh, cum’nzà a ‘nviè i parénti e i v’sgìni ‘n càsa so’ a véd i progràmmi telev’sivi.
Na me famìgghia, cödda ch’s’avéa cattà a telev’siöngh fu me zia P’ppina. Iédda b’tava ‘nta vanèdda Marinu; a stratètta ch’ da Vìa San G’sèpp a bànna mànca, fa part da Cast’ddìna...u me quartér.
Annè ‘nta zia P’ppìna “p’ved a telev’siöngh” (er’nu cösti i precìsi paròddi ch’ s’ s’ntèanu dì n’càsa mi) d’v’ntà n’ab’tùt’n.
E còm n’sp’dugghiavmu a mangè a sera, p’ nan r’vè nta zia P’ppìna cu progràmm telev’sivu cum’nzà!
Me zia, tutta priàta d’osp’tè ciù d’ungh v’sgìngh d càsa e niàutri parénti, n’ fasgèa truvè beddi prònti, e a f’lèra còm n’ cin’mu, tutti i sèggi.
Iédda, a telev’siöngh, còntr o mùr puiàta sövra n’tavul’nètt cu i roti (ungh simu ggh’l’oi àncura ‘nta me càsa a Ciàzza) e cum’gghià cu ‘na cutrétta culurà.
Quànn a zia P’ppìna scum’gghiava a telev’siöngh, e appèna tuccava n’ buttöngh iédda s ddumava, cöss era p’ mi...p’cc’rìdda d ùnn’sg anni, ma probab’lmént ‘mpùru
pi rànni, n’mumént màg’ch!
I primi vòti avéa a ‘mpr’ssiöngh d’ess taliàita jé d’ còddi ch’ parrav’nu e ch’ s muvev’nu dìntra ddà scàtula!
E quànti puntàdi du “Musichiere” cu Mario Riva, ch’fasgèa scattè de sèggi i giuaöri còm s’avèss’na stàit mòddi!
Pöi vénn a vòta d Alberto Manzi: u bràv maìstr d scòla ch’vulèva ‘ns’gnè a l’italiàni a lègg e a scrìv.
Ma funu i puntàdi d “La Pisana” ch’, pa prima vòta n’vìta mia, m’fés’nu bàtt u cör!
Era cö ch’aöi s ciamass “fiction”, ‘nvèci all’eb’ca s ciamava “sceneggiatu”.
Jé, cu i mi ùnn’sg anni, nan putèa tant capì u d’scörs stör’cu du cönt, ma ch’fra Carlinu e a P’sana ggh’era l’amör, cöss l’avèa ca’pùit...eccòm!
E créd ch’ l’avèa ca’pùit, ‘mpùru Roccu.
Jéu era ciù rànn d mi d döi anni e v’nèa a sera nta zia P’ppìna, p’ véd a telev’siöngh ‘nsèmula a me zia N’netta ch’ggh dàva osp’tal’tà, a pagament, durant l’ann scolàst’ch.
Tànn èr’nu assài i famìgghi ciaccèsi ch’osp’tav’nu carösi ch de paìsi v’sgìni v’nèanu a Ciàzza p’ studiè.
E tanti funu i vòti ch jé, dìntra d mi, fisgi fìnta d’ess “la Pisana”, mèntr “Carlino” sèmpr p’ mi (e fòrs n’esclusìva p’ mi) era Roccu...
Ggh’höi n’autr r’gòrd da vanèdda Marinu! R’gòrd tèn’r, còm era jèu!
Stöi parrann du marì da zia P’ppìna...u zìu Pepè...”ahi, ahiu u pè”. Stà ‘ngiùria ggh l’avèv’mu dait niàutri carusétti p’rchì, ‘mpùru essenn jéu ‘n v’gghìett r’v’ddìt, avèa’n mòdu d cam’nè zzuppiann.
Ma jéu ddà ‘ngiùria, nan vìtt mai còm n’offèsa...u savèa ch’ggh vulev’mu bèngh!
E quànn ér’mu no böngh, e u saluav’mu cu “ ’Sa b’n’dìca, zìu Pepè”, a so r’sposta era “Santi e rìcchi f’gghiùzzi”!

Rosalba Termini
Febbraio 2018

 

 

 

 

 

Commenti   

0 #22 Cinzia 2018-02-28 14:40
Che bel racconto, Rosalba! L'ho letto tutto... Ricordo anch'io qualcosa che mi raccontava mia madre...Quei tempi avevano un fascino particolare. Complimenti per la forma scorrevole...Sei una brava scrittrice!
Citazione
0 #21 Giusepe 2018-02-28 14:33
L’ho letto tutto quasi d’un fiato , e dire che mi è piaciuto molto e dire poco, non potrò mai essere stato in vicolo Marino , ma ciò che tu hai descritto e come lo hai descritto , mi sembra di rivivere uno dei tanti ricordi d’infanzia che mi ha raccontato mia mamma sulle prime tv , non di meno quando mio nonno mi raccontava che dopo tante volte di vedere i figli andare da parenti o vicini per guardare la tv si decise finalmente a comprarla , tutto molto bello, Rosalba Termini
Citazione
0 #20 Silvio 2018-02-26 16:23
Il tuo racconto è stato bellissimo ,che ricordi. Le strade erano vuote la serata di Mike Bongiorno .Mio papà non ha conosciuto questa scatola animata ma mia mamma Lucia (era dell'889)diceva che il suo televisore faceva vedere programmi diversi dai vicini,capito mi hai?che tempi altro che il telefonino in mano.ciao Rosalba ancora bravissima con affetto silvio
Citazione
0 #19 Maria Malferrari 2018-02-24 12:00
Il lavoro d'insieme mi piace.
Complimenti Rosalba!
Citazione
0 #18 Paola 2018-02-24 09:58
Uno spaccato di un Italia unita grazie Rosalba Termini
Citazione
0 #17 Anna 2018-02-24 09:57
Quanti bei ricordi emergono da questo tuo raccontare ,basta aprire il baule della memoria e, i ricordi se pur lontani nel tempo,sono sempre vivi e tali rimarranno .Ed è bello rispolverarli,condividerli ed emozionarsi ,qualche lacrimuccia naturalmente ,è difficile ingoiarla .
Anch'io ricordo quando mio padre acquistò il televisore ,il primo nel paese.
E, quando trasmettevano il festival di Sanremo ,vicini ,amici e parenti erano in fila davanti casa mia ;era quasi una festa .Il camino sempre acceso riscaldava l'ambiente ,non solo ma anche i nostri cuori.Bellissimi ricordi .Grazie Rosalba per l'emozione che hai così elegantemente sprigionato .Buon sabato !
Citazione
0 #16 Ambra 2018-02-24 09:55
Mi hai fatto tornare indietro di una vita...
Mio nonno ricordo ha comperato una delle prime televisioni per vedere il matrimonio di Grace Kelly ( lui è stato un pioniere del cinema e Grace Kelly era una delle sue attrici preferite). Io per una vita sono andata a vedere la televisione dai miei nonni perché il mio papà non voleva il televisore in casa, perché faceva concorrenza ai cinema. Poi la RAI ha incominciato a trasmettere le partite della Juve e allora la televisione è entrata anche in casa nostra. Per il divertimento dei miei fratelli più giovani. Io ormai ero grande e preferivo andare al cinema con il mio futuro marito
Citazione
0 #15 Erino Federica 2018-02-24 09:54
La prosa è deliziosa e ha il merito di farci rivivere con grande nostalgia gli albori della Tv in bianco e nero. I personaggi che si muovono all'interno del vicolo Marino sono simili a tutti quelli in ogni parte del nostro Paese come pure le loro vicende generate dalla passione che la nascente Televisione ha saputo infondere immediatamente a tutti i telespettatori. Questa passione ha portato solidarietà, socializzazione e il piacere di stare l'insieme, un periodo unico e irripetibile. A mio parere paradossalmente non è la Tv protagonista del " Il vicolo Marino"
" ..successe ovunque in Italia'
In questa magnifica ambientazione, Rosalba ci svela il sentimento che ha provato per Rocco nell' alveo delle sue opere autobiografiche. È il classico colpo di scena. Così è ( se vi pare)
Citazione
0 #14 Giusi 2018-02-23 17:37
1)... La storia della televisione a Piazza Armerina ha tutto in comune con la storia della tv al mio paese, a cominciare dai tempi( tutto sommato possiamo considerarci coetanee). A casa mia, l' acquisto del televisore aveva qualche remora in piu', nel senso che mio padre, fervente cattolico, era convinto che la tv portasse in casa una qualche infrazione ai costumi di una famiglia impostata su rigide regole morali.pertanto in casa mia arrivo' tardi, molto tardi! Ciononostante anche noi piccoli andavamo in piu' casa a guardarla, dal carosello a topo gigio, dalla" Freccia nera", ai giochi per ragazzi
Citazione
0 #13 Giusi 2018-02-23 17:36
2)...Che oscurantismo!... Sembra tutto cosi remoto eppure fa parte della mia vita!...E devo dire che ho nostalgia di quel tempo, quando un' immagine, un racconto da nulla stuzzicava e accresceva la curiosita' , la creativita' di noi piccoli che usufruivamo soltanto di figure rare rinvenute nei testi di scuola!... Che memorie hai svegliato in me, Rosalba! Se non ti conoscessi, direi che anche tu soffri di nostalgia. Ma so che il tuo sguardo e' stato sempre proiettato al futuro e la tua e' pura rievocazione di spazi e tempi del nostro cuore di bambini. Congratulazioni, mia cara... Giusi
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna