...ANCORA M’ R ’SÖNA N ’L’ARÉGGI...

(ascolta in viva voce)

 

Nan m’ r’gòrd cu fu a dirlu...Crëc ‘n puéta,

e secön mi, jèu avèa mìla càngh d ragiön!

Cèrti paròddi anu d’ìntra ‘na speci d magia!

Tu i nòm’ni, e d’n còrp t’ r’ truvi traspurtà a n’ àutra banna,

autri tèmpi, autri s’tuaziöi!

Una d’ cossi paròddi è “R’CÖITA”.

A numne’la, m’par d’sent’r pròpiu a stìssa vösg du r’cuttèr

ch’ du vòti a s’mnana, v ‘niva ntâ mè stràta griànn a sò banniata

“ U r’cutté...n’dda fascèdda bedda cauda cauda, a r’cöita...E chi é?!?!

Ed eccu, ch n’ càsa mia s’m’tiva ‘n mòt ‘na speci d cat‘na d montaggiu!

U “PRONTI…VIA” u dàva me nànna.

Jèdda, a l’anagraf era r’gistrada cu nom d Crucfissa.

Ma n’an vulèva ess ciamàta accuscì,

p’richì djeva ch’era ‘nom ciù véggh’ du’ p’sciatu...

(cössi er’nu i so’ pr’cisi paròddi)

P’cöss, jédda stìssa l’avèa modernzzat’ cu cödd d’ Fifì.

M’a r’gord sèmpr s’ttàda ‘nta sèggia

‘ndarrèna u f’n’ströngh ch s’facciàva sù Via Grispi.

Cössa era ‘na böna pus’ziöngh p’ ved cu’ passàva pa’ stràta:

s’era sulu... ‘n ‘cumpagnìa...com’era v’stù...

E pöi, via cu’ u tàgghia tàgghia, ‘n sému a so’söra Ciccina!!

Pùru iéa b’tàva n’ càsa mi p’richì, oramài vìdula e senza grài,

a mant’nëva m’e pà.

Accuscì i döi sori s’ fasgèanu cumpagnìa

e, n’an avenn d’autr chi fè

ciucciuliav’nu ntrâ jeddi da’ mattìna â sera e..

a cu’ ghi dav’nu e a cu’ ghi prömttiv’nu!!

Öra ch’avöma spiegat’ a s’tuaziöngh d’ ‘ncàsa mia,

turnöma ‘ndarrèna...o ”PRONTI...VIA”

Me nànna Fifì, era tantìcchia trànta d’arèggi

Ma, cödd ch gh’ piajeva s’entr, u s’nteva mèggh’ d’ l’autri!

P cöss, era a prima ch’ s’nteva a vösg du r’cutté ‘mpùru d’dduntàngh.

Ad a’prima banniata, z’rcava cu l’öggj so fìgghia

e pöi griava” ‘N’Giulì...N’Giulì... gghiè u r’cutté…

Mov’t , ch’ cödd n’an spetta i to com’di!”

‘N’Giulina, ch’era mè màtri, z’rcava a mì ....

“Ro...Rosà...vengh’zzà”

M’m’tteva ‘ntë mai u sol’t piàtt’ cu’i fugghiètti dorati

(cöss piàtt gh’l’öia àncora sarvà p r’gord)

e je sc’nneva dda’ giösa o piant’rren.

Truvàva u r’cuttè, ca so b’sàzza ntâ spadda

e i fascèddi ‘nta màngh, puntddau ‘ndarrèna a porta.

Iéu era n’om sicc’ e long’, cu döi mustàzzetti nèri

e n’tèsta ‘n taschèttu a quàtratini.

A scèna era sempr’ a stìssa...Je gh’t’neva u piàtt

e iéu trandulann’ a fascèdda, gh’fasgeva annè dìntra a r’cutedda.

A talièla, accuscì biànca e morb’ta, ch’ s’ nacàva tutta,

v’niva vogghia d’ mangers’la ddu mumènt stëss...

Öra, dòp’ tant’ anni, s’ ciud’ l’öggi,

r’nesc a sent u stìss scior...na böcca u stiss savör!

E ‘mpùru ddà banniata

…ANCÖRA M’ R’ SÖNA N’ L’AREGGI…


Rosalba Termini
Dicembre 2015

 

 


 silvio mercato30 dicembre 2015 21:15

Bravo Gaetano a tradurre la bella poesia di Rosalba,ti ringrazio perché mi chiarisci qualche termine capito solo leggendo la frase.A tutti i piazzesi BUON ANNO silvio


Anonimo7 gennaio 2016 14:02

Più che il suono, a Rosalba torna vivo il ricordo del Ricuttaro, per il profumo della ricotta che, ancora calda, scivolava nel piatto con la fogliolina dorata.Infatti ciò che imprime nel profondo del nostro cuore,i ricordi più cari, è il profumo delle cose; ho letto, che l'olfatto è il senso per eccellenza, a fare rivivere emozioni apparentemente sopite.


herald27 dicembre 2015 09:38

Brava, Signora Rosalba. Ha descritto perfettamente tutte le emozioni che provavamo quando passava il sig. Lo Presti. Anch'io lo ricordo con le sue fascine quando, dopo essere stato in via Crispi, risaliva lentamente la via Bonifacio. E' proprio il caso di dirlo: "Non ci sono più i "Riccottari" di una volta".


Gregoria fiumefreddo27 dicembre 2015 16:52

Complimenti Rosalba ! Sei bravissima a trasmettere emozioni a noi che al nord mangiamo solo ricotta - gesso. Ricordo anche il "vaccaro" sig. Bruno che ci portava il latte appena munto e caldo caldo nei suoi due bidoni di latta. In questa stagione fredda tt era gradito!


silvio mercato28 dicembre 2015 17:38

Ciao Rosalba continui a stupirmi con i tuoi versi e i ricordi anche miei.
Sei stupenda,scrivi qualche aneddoto di via Crispi,ricordi a zia Bobona,a zia Ciccina (madre del sindaco Conti),la cantiniera signora La Rocca?
U ricuttaru si chiamava Lo Presti ed era produttore in quanto pcuraru.Continua continua ,un bacione a te e un bravo a Gaetano.
BUON ANNO silvio


Giovanni Piazza29 dicembre 2015 12:00

Rosà, la fai sciaurari, dda ricotta,
mentri la strategì di la famigghia
a la prima vuciata galiotta
sgriddava a cu la cerca e a cu la pigghia.
.
Fifì di posta darrera u balcuni
mentri fa tagghia e cusi cu Ciccina
pronta o signali di ddu lungagnuni.
Amurusanza antica ca scatina
.
scrusciu di sintimentu e picciuttanza
china di tantu suli e picca sordi.
Antica ma prisenti amurusanza
.
mentri s’assetta, quannu nesci fora,
n’on piattu arracamatu di ricordi…
e dda ricotta ca s’annaca ancora.


Rosalba Termini29 dicembre 2015 21:18

Rosalba Termini 29 Dicembre 2015
Giovanni Piazza!? Non credo di conoscerti ma questo tuo commento al mio lavoro merita risposta: grazie! Quella che ho appena letto è pura poesia e che tu l'abbia impostata attorno ai protagonisti del mio racconto, mi commuove!! Ancora GRAZIE!


herald30 dicembre 2015 10:01

Ed ora, cara signora Rosalba, non ci lasci così a bocca aperta!! Per favore ci descriva, ci parli, ci racconti qualche cosa sui "casateddi". Ma lo faccia presto, possibilmente prima del 31 prossimo in modo da poterli mettere a tavola per la cena. P.S. A me ne bastano solo 24 o... giù di lì (ho deciso di moderarmi, questa volta!).


giovanni piazza31 dicembre 2015 18:06

Miiiiih! E tutta la puisì, unna finìu? Cerni cerni, resta sempri e sulu la tabobbiata abbuffinatoria? Evvabbè, è l'urtima di st'annu, e ve la pozzo apperdonare, va'. Qualunquemente, approfitto per ringraziare l'anonimo estimatore 'nsèmmula cu Rosalba, per i gintili paroli arrivolte a stu suttascrittu. Cafè pagatu. A tutti, tanti tanti tantaguri ancora e ni sintemu tra un annu. Cià.


Rosalba Termini31 dicembre 2015 19:01

Giová... Vorrei continuare a scriverti nel nostro bel dialetto, ma ho fretta di risponderti...e so che ci metterei troppo tempo...a voler evitare gli errori(che pur ancora faccio!!) Hai anticipato di poco la risposta che già avevo in mente di dare al nostro buon amico Herald! La poesia nn ha nulla a che vedere con la TABOBBIATA ABBUFFINATORIA( bellissimi questi tuoi termini)... Con simpatia e auguri di Buon Anno a tutti. Ciao


Filippo da Vercelli.1 gennaio 2016 11:18

Non c'era modo migliore per iniziare il nuovo anno che immergersi in questa bella cronaca alla riscoperta della " ricottedda e di casateddi".
Rleggendo la poesia di Rosalba, e tutti i commenti che sono seguiti, mi viene naturale ringraziarvi per le belle emozioni che ho provato.
Siete veramente bravi. Un grazie a Rosalba per il suo capolavoro e che ha innescato la miccia; un grazie a Giovanni il poeta che riesce a trasformare ogni argomento in versetti fantastici; un grazie al puntuale e "serioso" herald con la sua azzeccata pungente ironia ed infine un complimento al poeta Gaetà il quale pazientemente ci sopporta.
A tutti un felice anno nuovo e tanti di questi bei momenti.
Saluti.


Anonimo31 dicembre 2015 19:13

Giorgio 31.12.2015
Ma scusate tanto, cosa ci fa un inglese di nome herald in un sito che parla di Piazza Armerina? Mi sembra che conosca troppe cose del nostro paesello. La scimmiottella alla nostra cara Rosalba è superflua. Bisogna dire che il componimento in galloitalico teste' letto è sublime, perché ci riporta indietro di tanti anni e ci fa rivivere momenti indimenticabili. Il mister herald se è di Piazza si firmi col suo nome. Buon Anno a tutti.


 

Commenti   

0 #2 mariuccia 2016-06-22 18:27
che bei ricordi, hai fatto sentire anche a noi il profumo della ricotta. Complimenti!
Citazione
0 #1 mariuccia 2016-06-22 18:26
brava, che bei ricordi. Mi hai fatto sentire il profumo della ricotta!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna