TEGLIA DI PASTA N’TAGANATA

Rosalba

 

 

pastantaganata

 

(a modo mio)

Faccio cuocere in abbondante acqua salata il cavolfiore ridotto in cimette. Lo scolo al dente usando la schiumarola e mettendo da parte l’acqua di cottura che mi servirà x cuocere la pasta. In una padella soffriggo uno spicchio d’aglio, alcune acciughe diliscate e del peperoncino. Intanto faccio cuocere la pasta (formato corto) nell’acqua di cottura del cavolfiore. La scolo al dente, e la faccio saltare un attimo nella padella col condimento e una generosa manciata di pecorino grattugiato, quindi trasferisco il tutto in una teglia da forno prima oleata. Cospargo del pangrattato e un filo d’olio quindi inforno a 180 gradi e fino a quando si sarà formata una bella crosticina dorata.

 

frecciasx

 

Commenti   

0 #1 mariuccia 2016-06-22 18:37
che buona, perchè non pubblichi pure quella "ntaganata" con i finnocchietti? In passato era cotta nel tegame, non al forno se vogliamo attenerci alle tradizioni "ciaccesi"
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna