L’ÀRBULU DA MI’ VÌTA

albero pino

 

 

 Fino ad ora i miei lavori hanno avuto lo stesso comune denominatore: il Sud e nello specifico il paese in cui sono nata, cioè Piazza Armerina. Dopo la "sorte" toccata al nostro cedro secolare e nonostante il dispiacere che questa notizia mi abbia procurato, ho sentito il bisogno di scrivere quasi un "inno" dedicato ad un altro albero ben vivo e vegeto che è stato inconsapevole spettatore (e tuttora lo è) della mia vita qui al Nord, dove vivo.

 

(ascolta in viva voce)

 

 

 

<<L’àrbulu a cui pòrz’ivi a p’cc’détta màngh...>>

Accuscì scri’véa ‘n rànn puèta

 tant’anni ‘ndarrèra,

‘n memòria du so f’gghiétt ch’nan ggh’era ciù.

Aöi ‘mpùru jé, cu rànna s’mpr’cità,

 höi u d’s’dèri

 d parrè’v du mi’ àrbulu

 ch’a scànc d’èss ‘n melogràngh è ‘n pìngh.

Abéstra jéù nan ha ‘n s’gn’f’cà d r’gòrd

 p’ cu nan ggh’è ciù,

au cuntràri è t’st’muniànza d VÌTA.

Cöss pìngh ha tant’anni

 quànti ggh n’ha a mi’ càsa,

van a dì  trèntadöi.

U vìtti a ciantè

 pròpiu facciafrònt o mi’ purtöngh

 e cöss all’eb’ca nan m’ pars na còsa

tant giùsta..

Öra pozz dì ch’m’ sbagghiàva!

Jéù créscenn ‘n l’anni,

 ha fàit d t’st’möni a cr’sc’tà di mi döi fìgghi

 ed è p’ cöss cu ciàm << L’àrbulu da mi’ vìta>>

A so pr’sènza ntô mi’ giardìngh

fa scumparì tutti l’auti àrbuli

p’rchì jéù s’è fàit ciù ìaut da mi’ càsa

 ch’è d tré piani.

I soi ràma s’àna quàs ‘mp’cc’càit

danànzi o mi’ f’n’ströngh...

 tant ch ggh vò oramài poch p’tucchè’li!

Cöss pìngh è n’àrbulu ‘mpònènt

 e ch’ m’ döna ‘n sens d proteziöngh...

Nan sulu a mi, vist ch’jèù ntâ nôitata

d’v’nta nì  pi tanti asgìddetti

ch’ truv’nu cunört ‘ndi soi ràma.

Ed è p’ cöss ch’ d prim mattìngh,

specialmént còm öra ‘n primavèra,

l’asgèddi cum’nz’nu a cantè

prima adasgétt

còme s’ s’ fruntàss’nu d dènn a sveglia...

Pöi d’v’nta ‘na mùs’ca ch’ m’ tìra föra do lèttu.

I ciù cantarìni sù i card’ddètti.

A giru ggh r’spönn ‘na ciòla

ch’ cu so vèrs i fa scantè.

Cödda ch’invèci nan s’ pò ciamè mùs’ca

è u monot’nu “tu-tuuu-tu” d döi o tre turturèddi...

Ma a vèd’li accuscì paffùi e beddi biànchi

fanu o stìss tanta  s’mpatìa!

Cèrti vòti cu me nèzza,

 mucciàti ‘ndarrèna i vìtri du f’n’strongh

e stànn fèrmi e mùti p’nan fèli scappè,

n’ gò’döma u giö d l’asgègghi.

Iéddi s’ d’vèrt’nu a svulazzè

dìntra e föra du pìngh;

‘ntràs’nu e nèsc’nu ‘ntra i ràma

còm  i carùsgi quànn giöc’nu e mùcci.

Nöit tèmp però u mi’ àrbulu s’ fa mutàngh’n

e i so ràma d’v’nt’nu p’ l’asg’ddetti

‘na marav’gghiösa nàca.

‘Ntê giurnàdi cu malu témp

véd ddi ràma sbattuliàti d zzà e d ddà

ompùru piegàti sötta u pés da név

m’ s’ strénz u cör!

Ma quànn ‘n bèu sö ‘nf’la i soi ràia

‘ntra i ràma  fasgénn’li br’llè, è ‘na b’ddèzza

u mi’àrbulu, e u so vérd d’v’nta ancöra ciù vérd.

‘Ntô mi’ mumènt d “relax”, sùs l’öggi do ddìbr

 o a pènna do “sudoku” ch’m’ sta fasgenn ‘mpaz’ntì,

e truvè u pìngh v’sg’niss’m a mi’ fàcci,

 m’ piàsg assài!

Ciù d ‘na vòta höi avùit l’ ‘mpr’ssiöngh

ch fuss jéù a talièm travèrs i vìtri

ca so spr’ssiöngh ‘mponènt ma benèvu!

E all’urt’màda,

avènn’lu avùìt  p’trèntadöi anni

sèmpr zzà v’sg’nìss’m, m’ piàsg dì ch’ jéù è

 “L’ÀRBULU DA MI’ VÌTA”.

Rosalba Termini
Aprile 2017

 


Andrea 2017-04-17 11:36

Stupenda, leggera e delicata. 
Soprattutto per chi quell'albero lo conosce bene!...


Rosa 2017-04-19 17:00

Cara Rosalba, ho letto questa poesia che,a mio avviso, non è da meno delle precedenti. Mi piace, anche se non è legata ai tuoi ricordi più antichi, perché parli del tuo albero come di una persona a te molto cara, una persona che ti ha seguito e continua a farlo in tutti gli anni trascorsi al Nord. Ha visto nascere e crescere i tuoi figli e tua nipote, ti regala un raggio di sole al mattino appena alzata e ti dà ombra nelle ore più calde della giornata, ti fa compagnia con il canto degli uccellini che lo abitano, ti dà la sicurezza di un appoggio fisico e psicologico nei momenti meno felici della tua vita. Insomma con lui puoi sfogarti nei momenti di rabbia o piangere in quelli tristi, lui non ti tradirà mai ma sarà sempre
un punto di riferimento poiché ormai fa parte integrante della tua famiglia. Ecco perchè mi piace! La tua cara amica Rosa.


Giusi 2017-04-19 17:57

Apprezzabile prosa poetica che procede, come una melodia crescente, alla descrizione di un albero, animandolo, intrecciandolo al susseguirsi delle vicende personali della vita dell'autrice che ha saputo fondere, con armonia, la vita umana nel suo incessante divenire e la vita dell'albero che diventa testimone silenzioso dei nostri vissuti e delle nostre trasformazioni. Auguri poetessa Rosalba! 
Giusi


silvio 2017-04-25 18:32

Cara Rosalba ho letto con ritardo l' ultima poesia,che nasce dalla tua sensibilità e amante della natura,Il coro degli uccellini che seguono ,l'ondeggiare dei rami,curiosare con la nipote senza farsi vedere è una descrizione poetica eccezionale.Non sono un critico letterario ma,perdonami, mi pare di vedere un cambiamento tra le vecchie e le nuove poesie,cioè:le prime erano scritte nel modo di parlare ,le ultime sono scritte nel vero piazzese antico o gallo italico.E' un piacere leggere e rileggere. un bacione silvio


fedora 2017-04-27 20:34

Cara Rosalba, hai descritto molto bene l'albero che ti accompagna tutti i giorni.
Questa poesia la sento mia perché anche nel mio giardino ci sono alti pini e abeti. Essi sono nidi di uccellini che ogni mattina cinguettano dolcemente e il loro canto sostituisce il noioso clacson delle auto.
Questi verdi alberi ci osservano e parlano quotidianamente di noi.
Brava poetessa Rosalba!!


 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna