AÖI T’ FRUNTȦSTI D’ SALUĖR’M

 

(ascolta in viva voce)

 

Quann sï ab’tuáta a ved to pàtri ntê r’tràtti ‘mp’nnui casa-casa

v’stuit ‘n pòmpa magna, cu ddà bedda d’visa nèra d’ carrub’nèr,

ddà bedda fascia biancha e ‘n tèsta u capèu cu p’nnàcch culöratu

E tu sï ‘na p’c’ddètta d növ-désg ànnetti

ch cum’nza a dumannè’s i primi p’rchì e p’rcom da vita,

non t’capac’ti a ved to pàtri casa-casa d’vers d’ cu di r’tràtti.

Ddà, giövu e b’ddàzz com u sö, cu i cavégghi nèri

e döi mustàzzetti ch’ ggh dèv’nu so l’apparènza d l’öm autor’tàri

p’rchì sötta sötta jéu era böngh com u pangh.

Ma u sa’vöma, u temp é ‘n rann cam’naör

e ‘ntant tu crésci e ‘mpùru to pà nan ha ciù a s’m’gghiànza  

du beù carrub’nèr du r’tràtt.

A d’visa nèra ha lasciait u póst a na giacchétta marröngh

manch tant növa. Inveci di scàrpi nèri e luc’di

ggh’vidi e pè st’vàli àuti o g’nögg.

U bèu capèu cu p’nnàcch culöratu

ha r’stà ntô r’tràtt

p’rchì ora to pà usa na b’rrètta.

E v’stu accuscì ogn’ mattingh s’n’ara anné a B’ddia

unna travagghia com capusquatra

p’aum’ntè i grai da so pensiôngh d’ carrub’ner.

Quann a séra jèu s’r’cöggh ‘n casa stanch,

ggh vai ‘ncontr, tu brazzi e non t’ ‘mpòrta

s’ non è v’stuit ‘n pòmpa magna.

‘N ddà vòta però no mèntr ch’stavi giuànn a mùcci

o Ciàn Pretura ‘nzému o söl’t gruppètt d carusetti amici toi,

scaristi d’ dduntàngh to pàtri ch s’ stava r’cögghienn ‘n casa dop u travàggh.

Tu ca cöda d’ l’òggi,

v’dennlu v’stuit com avöma spiegat prima,

pruvàsti N’AMAR S’NT’MENT D’ V’RGOGNA.

V’sgingh a ti ggh’er’nu i toi cumpagnétti

e non avisci mai vulùit ch’ jeddi avess’nu v’duit to pàtri

v’stuit ‘n ddà manèra.

All’öra fasgisti n’att ch’ancöra aôi a to cuscenza r’mulia...

t’ vutasti d’ ddabànna

p’ fè finta d’ non canösc’lu.

To pàtri era n’om mutàngh’n e i so pochi paròddi

i disgeva d’ preferènza cu l’öggi. Ma cödda sèra, s’tati ‘n tàvula

i so öggi r’sta’nu a f’ssé u piàtt da m’n’strina ch’ ggh’avéa danànzi.

E fu accuscì ch’ i to aréggi scutànu cô ch mai e pöi mai

na figghia avèss vuluit sent’s dì d’ so pà

“AÖI T’ FRUNTȦSTI D ’SALUĖR’M”

 

Rosalba Termini
Aprile 2016

 


 giusi 2016-02-25 08:54

in riferimento ultimo lavoro di ROSALBA TERMINI:difficile per una figlia rimuovere l'immagine paterna delle sua prima infanzia....e , come l'albero si nutre dalle sue radici, anche l'anima ritorna all'infanzia, il piu' immenso luogo del cuore..complimenti ROSALBA, amica di ieri, di oggi, di sempre!!!


fedora 2016-02-06 12:11

 Ciao Rosalba,
come sempre ti distingui nell'espressione poetica in vernacolo....la traduzione ha agevolato la mia comprensione! Versi toccanti ed emozionanti. Un abbraccio.


Giusi Costa 2016-02-04 15:22

Grande componimento evocativo e commemorativo della figura più fondante della nostra vita: il padre, in una visione adulta della nostra infanzia. Un padre che si staglia nella nostra anima con la possenza di un sentimento autentico e ancestrale della gente del Sud. Un'escalation di emozioni indicibili. Grande Roslaba. La tua amica di sempre. Giusi Costa


Filippo da Vercelli 2016-02-04 09:55

Veramente bella Rosalba. Brava come sempre riesci a trasmettere intense commozioni.
Saluti.


Giusy Failla 2016-02-03 20:14

Ho appena letto la poesia, bella. Ho riconosciuto lo zio dalla foto. Mi sono commossa. Ciao


Andrea 2016-02-03 19:36

Bellissima, ed emozionante come sempre...


Giusy 2016-02-03 19:31

Congratulazioni!! Ho appena letto la poesia, molto bella. Mi sono commossa. Ho riconosciuto li zio dalla foto. Un grosso bacio.


Francesco 2016-02-03 17:56

Gradevole e sentita!


herald 2016-02-03 13:46

Complimenti a Rosalba. Veramente una poesia "toccante". Brava. Brava.


Rosalba Termini 2016-02-03 12:10

Grazie Gaetano!! Come facevi a sapere che proprio oggi, 3 Febbraio, è il 45esimo anniversario della scomparsa di mio padre?!


Commenti   

0 #6 Maria Caracci 2018-01-11 13:12
Che sensibilità hai nel ricordare quell' episodio così lontano nel tempo !Sembra si accaduto soltanto ieri !!!
Citazione
0 #5 Silvana 2018-01-11 13:11
Avete ragione tutte e due, Rosalba e Maria, i padri e le madri ci perdonano sempre, siamo noi figli che non ci perdoniamo. Brava Rosalba, che bello leggere nelle tue poesie il tuo cuore.
Citazione
0 #4 Valter Farina 2018-01-11 13:10
Grandioso .... semplicement !!!
Citazione
0 #3 Silvana Verlucca 2018-01-07 19:43
Rosalba, credimi, sei veramente stupefacentemente brava a cogliere i sentimenti. Sono i tuoi, ma rflettono anche quelli di chi ti legge.
Citazione
0 #2 Silvana Verlucca 2018-01-07 19:34
"S’ ciamàva ‘Ngiulìna
ed era na föm’na àuta" ....Incredibile, piemontese puro, anche nella scrittura. Lo potrei dire e scrivere io, se fossi una Poeta come te.
Citazione
0 #1 Maria Caraci 2018-01-07 19:32
Che sensibilità hai nel ricordare quell' episodio così lontano nel tempo !Sembra si accaduto soltanto ieri !!!
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna