AMARCORD

 

 

collage Ceres

 

 (amarcord)

cornice

(ascolta in viva voce)

 

 

ERA L’ANNÀDA DU MÌLANOV’CÈNTUS’TTÀNTADÖI...

 

A ciamàva ca ‘ngiùria d “Gammareddu”, ma dìntra a stà paròdda ggh’era‘n s’nt’mént affettuös ch’trabuccàva!
U p’rchì jé m’avéa ‘nv’ntàit cössa ‘ngiùria vu di sùb’t. P’ppìna avéa u vìzi d cuntè ‘n fàtt e ‘n m’nù dòp dìsgea u precìs cuntràri. Ompùru, cum’nzàva a fè ‘na còsa, pöi s’n’p’ntéa dònca turnàva ‘ndarrèna ‘ncav i so’ passi. A nòstra canuscénza cap’tià ddassùsa, n’tra i vàddi du Pièmont e, p’ess ciù precìsi, ‘ndo paìs d Ceres...n’mènz i sciùri culurìti e i stéddi alpìni di muntàgni ch’avév’mu ‘ntòrn. Pròpiu n’com disg’nu i paròddi da canzöngh

“Lassù, sulle montagne,fra boschi e valli d’or..” Era u més d s’ttémbr du mìlanov’centus’ttàntadöi, dònca anu passàit quaràntacìncu anni d dda prima vòta ch’n’ ‘ncuntramu e aöi sunu trént’anni ch’nan n’v’döma!! Iédda era ciù p’ccìdda d mi d döi anni,ma cössa d’fferènza d’ità nan cuntà mai nènt p’niàutri! A st’otta però v dumannè “Ma ch’ ggh fasgèanu döi s’gnur’nèddi fréschi fréschi d d’plòma mag’stràu, mai prima d tànn n’sciùi föra du pròpriu paìs (ch’ p’ mi era Cìazza n’ S’cìlia e p’ièdda era Casarano n’Puglia) n’ménz i vàddi sciurösi d Lanzo e i muntàgni du Piemont?!

Quànn a scarì r’vè a l’ist’tùt Broglia d Ceres, unna jé avèa r’vait ‘ncòch giörn anànzi, già ad a prima ucciàda vitti ‘na p’cciutèdda sprovvìsta e ‘mpùru tantìcchia scantà. ‘Nta so fàcci p’ns’rösa spuntàv’nu döi oggi rànni e marröi ch’dumannàv’nu aiùt e cunòrt...E ciù d ‘na vòta cap’tià ch’jè gghiu desci! U Broglia, accuscì s ciamàva l’ist’tùt unna jè e P’ppìna avév’mu truvàit travàggh, era na scòla s’tuada ‘nto menz a tanti arbuli ch’ggh dèv’nu n’ariàta d fr’schézza. Pa v’rtà d fr’schézza dìntra u Broglia nan ggh n’era mànch tantìcchia, p’richì i carusétti ch’ frequentav’nu cössa scòla, avéanu ognedùngh ‘ncòch d’fétt mentàu e i stìssi famìgghi nan ggh dasgèv’nu cont. Jè e P’ppìna avév’mu u còmp’t d guardèli e d cumàtt cu iéddi da mattìna a sera. P’ nan parrè di nuittàdi passàiti ‘nbiànch, v’sgìngh a cösta o cödda carusètta ch’avéa ‘ncòch malànn o ch’ nan putea p’gghiè sonn.

Putè mag’nè a rànna d’f’curtà mia e d P’ppìna no truvè’n danànzi a certùni malattìi mai s’ntùi num’na prima...’ncas’mai dd’zzùi sövra i libri. E quànti autri nuittàdi passàiti a cuntè’n i p’nséri e i d’s’ dèri di nòstri vìnt anni! Empùru a ciàng pa dduntanànza da nòstra famìgghia! ‘Nto s’lènziu du sonn di carusètti, jé e P’ppìna s’tati ‘na vòta ‘nta mi “stretta” e ‘na vòta ‘nta so, parràv’mu fìtt fitt da nòstra v’ìta ddassùsa, dduntàngh do paìs...Vìnt anni èr’nu pochi ma jé, senza savèr’lu, stàva cum’nzann a ciantè i rad’càti ‘nto t’rréngh du Piemont unna defàtti ora stöi...ma sèmpr cu cör taccàit a Ciàzza!

Turnöma a mi e P’ppìna dìntra a “stretta”. Cössa era ‘n quarrà du durm’tòri di nostri carusétti, accuscì p’cciddu ch’s ciamava “stretta”. Da f’n’strèdda da mia camarèdda jé v’dea u campanèr da crèsgia ch’era s’tuada pròpiu v’sgìngh o Broglia. Era u so scampàniu ch’ m rall’gràva u cör e tanti autri vòti mu fasgèa ciàng!! Cöss annètt d travàggh o Nord Itàlia fu a sp’riènza nùm’r ungh sötta ogn pönt d vìsta...Fu p’niàutri döi föm’ni còm u s’rvìgh m’l’tari pi masculi e ancöra aöi, ch’nan avöma ciù vìnt anni, na r’gurdöma còm a nòstra secönna nàsc’ta!

Ora, p’sottascriv a rànna malancunìa d costi raccönti, ggh vulèss Lucio Battisti cu so “Il mio canto libero”.Era a canzöna ch’ a mi e a P’ppìna piasgèa scutè quànn, ‘nte nòstri muménti d l’bertà, n’annàv’mu a r’fuggè ‘nto bar d Sèrgiu... cu so jukebox...cu so
Amaro San Simone...ompùru raidivòti, cu dözz , vérd Génépy.

Rosalba Termini
Settembre 2017

 

 

L'immagine può contenere: 1 persona, primo piano

Io sono Giusi

Oh mamma, oh mamma!... mi torna in mente tutto, come in flash bak, come in un sogno!.... la mia vita comincio' cosi, poiche' prima ero solo un' appendice di una madre chioccia che mi faceva soffrire di rimorsi se solo mi allontanavo da lei, sia pure per andare a scuola. Non so esprimere la grande emozione in cui sono affogata leggendoti, cara Rosalba! Posso solo dirti " grazie" per avermi dato la forza di " restare" e di apprendere da te l' ottimismo e il coraggio di " osare" ad entrare nella vita vera. Ci sono persone che ti scivolano addosso come l' acqua, altre che segnano il proprio destino e rimarranno scolpite nella mente e nel cuore come pietre preziose incastonate nel metallo! Tu, Rosalba, sei la mia prima pietra su cui ho costruito quel tempio che si chiama VITA

La tua per sempre Gammaredda

 

Commenti   

0 #14 Franca Verde 2017-10-19 05:24
La lettura di questa prosa è coinvolgente, fresca di ricordi giovanili con note di tristezza per aver lasciato
il proprio paese.
Brava Rosalba, anche se ti devo dire che preferisco leggere le tue rime che sino ad ora hanno fatto vibrare di piu' le corde della mia anima. Franca.
Citazione
0 #13 Fedora 2017-10-12 12:01
Sono passati tanti anni!!
Il ricordo per l'amica con la quale hai condiviso la prima esperienza,lontana dalla famiglia, è ben raccontato nel tuo dialetto sempre più " ciacces".
Complimenti Rosalba.
Citazione
0 #12 Frank 2017-09-30 17:08
Cara Rosalba
Hai senza dubbio un carisma particolare: quello di riuscire a descrivere nella difficile lingua del Gallo-italico momenti di vita vissuta con dovizia di particolari, di ricordi, di ricette, di foto, e di quant'altro.
Anch'io sono rimasto legato a questa lingua e ti dirò che spesso, a casa, lo parlo perché mi fa ricordare da dove vengo e mi richiama tanti momenti del passato.
Se mi posso permettere, ti do un consiglio e/o suggerimento: fai un ulteriore sforzo nei tuoi lavori: mettili in rima. Lo so che è molto difficile, ma il risultato sarebbe il massimo.
Ti voglio bene.
Citazione
0 #11 Maria Malferrari 2017-09-29 21:28
Cara Rosalba, che bello "spezzone" di vita giovanile e di ricordi narrati con una penna colorata che li rende cari al lettore. Brava! Sei riuscita a coinvolgermi con un racconto fresco e pieno di particolari "del cuore". Sei riuscita a tratteggiare scene visive molto belle!
Citazione
0 #10 Maria Malferrari 2017-09-29 21:23
La tua lettura ci ha arricchito Rosalba
Notte notte!
Citazione
-1 #9 Erino e Federica 2017-09-29 20:47
Amarcord, celeberrimo film di Fellini, viene scelto da Rosalba come titolo per la sua ultima fatica letteraria Scelta dettata dall'amore che nutre per il Cinema , azzeccata perché ci fa vedere il film di un periodo ben definito della sua vita. Il Passato, musa ispiratrice da sempre delle sue opere, in questo caso porta alla luce, Gamberetto Giusy descritta con garbo e conosciuta all'Istituto Broglia di Ceres. Hanno vissuto, condiviso momenti difficili e di sono confidate le speranze di giovani donne come i ragazzi nel loro servizio militare.
Citazione
0 #8 Erino e Federica 2017-09-29 20:43
La solidarietà aiuta a fortificarci e superare gli ostacoli piu difficili. È questo a mio parere. il messaggio che ha voluto donarci. Nella bibbia, la moglie di Lot in fuga da Sodoma disubbidisce all'ordine di non voltarsi indietro e per questo viene tramutata in una statua di sale. L'esegesi in questo caso vuole dirci, non sempre giova rincorrere il passato, l'invito che facciamo quindi a Rosalba è di farci leggere grazie alle indubbie qualità un'opera che guardi al futuro. Il viaggio continua....
Citazione
0 #7 Viveka Enza Burnic 2017-09-29 20:38
Tre sole parole, cara Rosalba
"Sono commossa... Grazie"
Citazione
0 #6 Rosaria Monasteri 2017-09-29 20:36
è bellissima sei incantevole mi dai tante emozioni, sentire il dialetto gallo italico mi fa andare indietro nel tempo in cui lo parlavano mio papà, mia mamma e tutti i miei nonni che ho conosciuto.
Citazione
-1 #5 Dudù Girasole 2017-09-29 20:33
Brava e complimenti. Fino a quando ci sarà qualcuno dei "ciaccesi" veri come Te non corriamo nessun rischio che la nostra splendida lingua non sparisca.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna