ERA SO...PANGH E CIN’MU

 

(ascolta in viva voce)

 

Pròpiu ’n cösti giörni avöma sent’ùit num’né

a paródda <<ARISTON>>

Adaccuscì st nom m’ha r’purtàit ‘ndarrèra n’l’anni

(cost da ‘ncoch témp zzà, m’ sta succ’dènn ogn’ tantìcchia...

Sarà colpa d’ l’ità ch’avanza!?)

Ma l’ARISTON ch’ ggh’hòi n tèsta

non ggh’ ‘ntras nent cu Sanremo da Liguria

e manch cu Festival.

Eh scì, u mi p’nsèr va o beù cin’mu du mi pais...“CIAZZA”

Ma fòrs é mèggh ch’ d’sgiöma

<CO CH’HA R’STAIT DU BEU CIN’MU>

p’rchì oramai é r’dusg’ùit a <monumènt du d’ssòlu>

Bannunàit ‘n cödda gnùnàda

cu i pòrti srràti o mèggh pròpiu muràdi

e p’giönta p’ttùrài, com p’ de’ggh n’àriata d’ cuntègn!

Na vòta i cr’stiài a Ciazza parrànn fra jèddi d’sgev’nu

< Quàu film dòn’nu stasera all’Ariston?>

Òra a dumanna ha d’v’ntàit

<Unna ggh l’hai tu a màch’na?

A mia ggh l’hòi posteggiàta all’Ariston>

Eh scì...’ncuscenza...A ciàzzetta dananzi ô cin’mu

r’dusgua a PARCHEGGIO

e cu tant d’ màch’nètta mangiagrai.

Jè stissa, non m’ pozz muccè,

quann sign a Ciazza posteggiu a mi màch’na

propiu all’Ariston, ma vu pozz giurè

non ggh’è na vòta ch’ davanzi a l’òggi

non m’ pass’nu ‘n rassegna i r’gòrdi nit’di

d quann a l’Ariston ggh’annàva p’ guardè

<Quo vadis?!> o cas’mai

<I dieci comandamenti>.

M’ r’vèd ‘nsémula cu m’ matri e m’ sora Maria V'ttòria

tutti e trèi ‘mp’rp’t’cchiàdi

e cu m’patri o sciànch ch’ n’ cumpagnava

p’ poi v’nì a p’gghiè’nn a film f’nùit.

Ma p’annè o cin’mu cu a mi famigghia

ggh’av’na ess trèi cund’zioi...

Ch’ m’sora d sett’anni ciù ranna d mì

avèa f’nuìt d fè i comp’ti da scòla pu giorn dop.

Ch’ jè p’ tutta dda giurnàda

non avèa fàit raggé m’matri

(era jèdda a vera carrub’nèra n’casa mia)

A tèrza cund’ziongh era cödda d’ purtèm,

‘nf’làit nta bursétta d mi matri,

na f’ddètta d pangh schitt.

E com’era dozz mangè’lu

stàta ddassùsa, ntô scùr da sala

sulament ogn’ tant ‘lum’nata

da lampiáda da guardia,

ch’ cumpagnava o so póst

‘ncoch r’tardàtariu!

E ciù u film m’ piasgèva,

ciù jè m’r’criàva a dè muzz’coi

a me f’ddètta d pangh schitt

com s’avess stait na pr’l’batèzza...

invèci

ERA SO...PANGH E CIN’MU

 

Rosalba Termini
Aprile 2016

 


fedora 2016-02-28 15:16

Grande Rosalba! Condivido i tuoi versi ricchi di particolari..L'ultimo film che ricordo di aver visto,in compagnia di mio padre,è Metello.Quanta amarezza guardare questo edificio che sembra dire ai passanti : - Cosa aspettano... a farmi rivivere?


Roberto 2016-02-26 13:44

E' stata un'ottima idea quella di dividere tutti i post in categorie e sottocategorie nel nuovo sito. Sempre più interessante e completo. Bravo ancora una volta.


Rosalba 2016-02-25 14:45

Gaetano, bellissimi i tuoi approfondimenti a pié di pagina sull'Ariston nel suo "Periodo d'Oro".


Gaetano 2016-02-25 13:43

Eduardo:

L'ultimo ricordo che ho del cinema ARISTON e'
relativo al primo e unico raduno in cui si esibirono a cantare alcuni amici veramente
bravi. Ricordo alcune delle canzoni:
Pugni chiusi, pietà per chi ti ama, etc.
Bei tempi di spensierata gioventù!
Si chiamavano "Raduni Beat".


Eduardo 2016-02-25 12:09

L'ultimo ricordo che ho del cinema ARISTON e'
relativo al primo e unico raduno in cui si esibirono a cantare alcuni amici veramente
bravi. Ricordo alcune delle canzoni:
Pugni chiusi, pietà per chi ti ama, etc.
Bei tempi di spensierata gioventù!


Herald 2016-02-25 08:18

Povero Cinema Ariston e povera Piazza! Il giorno più bello della settimana era il lunedì quando proiettavano due film al costo di uno. Io e mio cugino trascorrevamo tutto il pomeriggio in sala ben forniti di pane casareccio con dentro enormi fette di... melanzane alla parmigiana. Vi assicuro che nessun piatto ha mai superato in bontà quel pane mangiato al buio della sala. Inutile dire che l'indomani a scuola si era "impreparati", ma ne valeva la pena!!!


 Rosa 2016-02-24 11:54

Carissimi ho ricevuto e letto la poesia per me bellissima e veritiera che mi ha riportato indietro nel tempo quando anch’io andavo al cinema con i miei genitori e zie e prima di entrare mio padre ci comprava, dalla bancarella che stava lungo la discsa di Santo Stefano, la “calia e m’rcanella”. Bei ricordi! Brava Rosalba se Gaetano non la pubblica è forse perchè teme di buttare in faccia all’amministrazione comunale la vergogna di tenere un obrobrio (cosi come è ridotto) in piedi proprio al centro del paese... lo aggiustassero o lo buttassero a terra perchè così è diventato discarica (ci buttano pure l’immondizia dentro la palizzata) e latrina pubblica. Vi saluto affettuosamente


 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna